Chiesa di San Pietro

La Chiesa di San Pietro è la seconda Chiesa Madre della città di Modica, importante tanto quanto quella di San Giorgio

descrizione

E' meglio, infatti, evitare graduatorie quando si tratta delle due matres ecclesiae della città, onde evitare di risvegliare antiche rivalità.
Collocata nel cuore della città bassa, lungo il corso principale, è contornata da palazzi e conventi e sovrastata dalla rocca del Castello dei Conti.
La prima notizia relativa alla chiesa risale al 1308. Con il terremoto del 1693 subì parecchi danni. La ricostruzione, sulle stesse fondamenta della chiesa del Seicento, cominciò qualche anno dopo il sisma, nel 1697, e la tempestività nei lavori di restauro fu dovuta al fatto che la chiesa poté contare sulle rendite dei legati istituiti durante il XVII secolo, soprattutto da due nobildonne, Donna Petra Mazzara e Donna Agata Caggia. Dell’edificio seicentesco rimane, all’interno, la Cappella dell’Immacolata, attualmente sacrestia, dove è ancora leggibile la data 1620.

Introdotta da una grande ed elegante scalinata animata dalle statue dei dodici apostoli, presenta un prospetto rettilineo a due ordini, ancorato alla cultura tardo rinascimentale, ma impreziosito da un ricercato apparato decorativo di gusto pienamente tardobarocco. L’interno è diviso in tre navate da due file di colonne corinzie. Ogni navata laterale include una cappella con quattro altari e una sagrestia. Sul quarto altare della cappella della navata destra è possibile ammirare il gruppo marmoreo cinquecentesco della “Madonna di Trapani". Più avanti un altro altare ospita il gruppo statuario di “S. Pietro e il Paralitico”, realizzato nel 1893 dallo scultore palermitano Benedetto Civiletti. I lavori di costruzione e la realizzazione delle decorazioni interne continuarono fino alla fine dell’Ottocento.

mappa

SpazioZero Gerenza

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.